Mostra 2 risultato/i

Fake news: guida per smascherarle

Fake news: guida per smascherarle di Francesco Santoianni. Un libro unico in Italia!

Come acquistare l’e-book

Come acquistare il libro cartaceo

Linkografia del libro (e quiz per testare la vostra capacità di identificare le news)

Fake news (o bufale): tutti le condannano, ma nessuno vi spiega come smascherarle. Lo fa questa guida, una assoluta novità per l’Italia, nata nell’ambito di “ScuolaBastabufale”, un gruppo di lavoro per una didattica sulle fake news, soprattutto quelle diffuse da TV e giornali.

Nella prima parte: come smascherare fotomontaggi, video messinscena, false testimonianze… che, da anni, blasonati giornali e TV ci rifilano, quasi sempre per fare accettare guerre e governi.

Nella seconda parte: l’analisi del racconto di molte fake news, spesso caratterizzate da una assoluta illogicità. Come “i bambini con le mani tagliate dai tedeschi”, l’“album fotografico dei giustiziati in Siria”, gli “avvelenamenti ordinati da Putin”, sbalorditivi “crimini nella Corea del Nord”…

Nella terza parte: l’analisi della disinformazione. False flags per imporre guerre e “rivoluzioni colorate”, travisamento della Storia, washing mediatico; utilizzo di “complottisti”, trolls e allocchi sulla Rete, l’affidabilità degli “esperti” e dei “debunkers”…

Nella quarta parte: ingegneria sociale. Armi di Distrazione di Massa, ideologie inventate a tavolino, rivoluzioni colorate, Shadownet, story telling… per farvi combattere il “Male” in nome del Peggio

Nella quinta parte: Cambiare il Passato. Da Lorenzo Valla a Spinoza; archeologi e storici al soldo del Potere.

In appendice: COVID come le fake news hanno trasformato una emergenza sanitaria in una catastrofe

Una guida ricca di illustrazioni, case studies, quiz, link di approfondimento…  per attivisti No-War, studenti, insegnanti… e anche per onesti giornalisti.

Francesco Santoianni (www.francescosantoianni.it) ha pubblicato, oltre a thriller, molti saggi tra i quali: “Topi”, “Disastri”, “Le fabbriche della paura”, “Armi batteriologiche L’ultima epidemia”, “Disaster management”, Vesuvio file… e (in collaborazione con Giulio Tarro) “Covid: il virus della paura” e “Emergenza Covid”)

Smaschera da anni (700 articoli) fake news su www.lantidiplomatico.it

Sfoglia il libro (versione parziale)

Partecipa al quiz sulle fake news per misurare la tua abilità nello smascherarle

Cina popolare

Per acquistare il libro clicca qui

Per acquistare l’e-book clicca qui

Cina popolare – Origini e percorsi del socialismo con caratteristiche cinesi di Diego Bertozzi Prefazione di Vladimiro Giacché

Negli ultimi trent’anni la dicotomia tra capitale fittizio e capitale industriale è stata ben rappresentata dal conflitto Usa-Cina. L’Europa ha creduto che la distruzione del sistema del «salario sociale globale», costruito nel dopoguerra, gli avrebbe permesso di giocare in questo conflitto un ruolo decisivo. La storia recente ha mostrato che questa scelta era sbagliata, e che la Cina, ispirandosi proprio al modello italiano, costruito nella Prima repubblica e abbandonato nel 1992, ha potuto conquistare posizioni a danno proprio degli occidentali. In questo nuovo scenario il Mediterraneo conquista la sua antica centralità nel commercio globale. Nuove vie si aprono per l’Italia, nuove possibilità sono offerte ad una diplomazia, anche economica, che abbia il coraggio di volgere lo sguardo ad Oriente, come nel XIII secolo, quando le repubbliche marinare dominavano il commercio mondiale.

“Un libro che abbraccia l’intero arco temporale che va dalle guerre dell’oppio ad oggi. Questo è importante perché conferisce alle vicende narrate la necessaria profondità storica. Necessaria innanzitutto perché, se inquadrata in un orizzonte plurisecolare, anche la straordinaria crescita della Cina degli ultimi decenni può venire intesa per quello che realmente è: la traiettoria grazie alla quale una delle aree da millenni più civilizzate del mondo si riprende il posto nell’economia mondiale che occupava prima che il colonialismo inglese la umiliasse, facendo regredire il suo contributo al prodotto interno lordo mondiale   in meno di un secolo   da oltre il 30 per cento del totale a meno del 5 per cento”. (dalla prefazione di V. Giacché)

Diego Bertozzi

Recensioni

su L’Antidipolomatico